MIGRANTI
Osservazione sistemica in un rapporto uomo-ambiente

di Emma Viviani

MIGRANTI<br>
Osservazione sistemica in un rapporto uomo-ambiente

Il nuovo paesaggio mondiale è caratterizzato da flussi umani che si spostano con grande velocità, da un polo all’altro del pianeta, che ridisegnano confini e territori, ridistribuiscono merci e servizi, generano ricchezza e povertà, portano altri modi di pensare. Tale fenomeno ha creato nel nostro paese ed in Europa un dualismo all’interno delle nostre città tra coloro che riescono a vivere dignitosamente in quanto in grado di svolgere attività lavorativa e poter provvedere alle esigenze della propria famiglia, favorendo il processo d’integrazione e coloro che per motivi di clandestinità, d’irregolarità, vivono un destino infame fuori dagli spazi convenzionali, dettato dalla necessità di sfuggire alle forze dell’ordine ed al sistema penitenziario. Il fenomeno dell’immigrazione deve essere osservato in una prospettiva ampia e sistemica, in un rapporto uomo-ambiente all’interno del globo ormai divenuto troppo piccolo...


Abstract. Articolo completo sulla rivista.